Cerca nel blog

sabato 24 gennaio 2015

UN AMICO GENTILE



Una mattina di qualche settimana fa , stavo gustando la colazione seduta in cucina ,quando ad un certo punto ,ho notato una cosa che svolazzava tra le piantine malridotte dall'inverno che dimorano sul mio balcone. 
Questa cosa volante non identificata,  era troppo grande  per essere un farfalla ( oltre che decisamente fuori stagione) e forse troppo piccola per essere un passerotto;ma molto veloce.

Incuriosita da questa presenza sospetta, mi sono appostata immobile dietro la porta finestra.
Ho Aspettato un po' e non ho visto nulla... - Mhh che strano! sono sicura che qualcosa c'era! Va bene; meglio finire il caffè e poi dedicarmi al lavoro arretrato!-...


 eccolo! 

Mi sono immobilizzata decisa a svelare il mistero... 

un pettirosso!


Insomma, dopo un lungo appostamento, ho potuto scoprire cosa combinava questo gentile amico con tutto il suo via vai : stava  cercando cibo!
La cosa che piu' mi ha colpito è che questo utile ed intelligente uccellino, cercava il suo pranzo tra le pianticelle  colpite dalle larve dei lepidottero snobbando gli avanzi di panettone che avevo lasciato fuori.

Forse per chi legge, sembrerà una cosa banale,magari anche sciocca. 
Ma per chi come me vive in un palazzo in pieno centro città, essere omaggiati da questa creatura ha qualcosa di magico! 
 Inoltre questo amico mi ha fornito un servizio davvero utile : ha debellato in modo naturale i bruchi mangiatutto! 
Non usando prodotti chimici (perchè con tanti gatti in casa non si sa mai) avrei dovuto pensare ad un'alternativa per far sloggiare i mangiatutto.

Il fascino di questo episodio , mi ha fatto venire in mente il disegno per un'illustrazione 


 che poi ho riportato su una tisaniera...



44 commenti:

  1. Fantastico questo episodio e stupenda l'ullustrazione sulla tisaniera.
    Sei bravissima!!
    Un abbraccio
    Emy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Emy! è tutto merito dell'amico pettirosso ;)

      Elimina
  2. Ma che bel post! Anch'io vivo in città e a volte mi sento "orfana" di natura: ti capisco benissimo. Sono contenta anche dell'ispirazione che tutto questo ti ha dato. La tisaniera è proprio bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con questo termine:essere "orfani di natura" mi ha fatto ricordare il libro "Marcovaldo" di Italo Calvino.Anche lui viveva in città,una città sempre abbastanza ostile dove ogni tanto comparivano le tracce della natura;ed ogni volta era una festa per grandi e piccini.Ecco! io mi sento un po' Marcovaldo...
      Ti abbraccio!

      Elimina
  3. bellissimo...post...mi piace l'episodio del pettirosso...e l'ispirazione della tisaneria....buona serata...
    giuditta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuditta! sai che ogni volta che sono triste o arrabbiata penso al pettirosso e mi torna il sorriso?
      Grazie per essere passata!
      a presto!

      Elimina
  4. Che meraviglia quel pettirosso... Complimenti per lo spunto che ne hai tratto e per la decorazione fatta: bellissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! la natura ci da sempre dei buoni spunti e dei grandi aiuti ! a presto

      Elimina
  5. Ogni tanto i miei commenti spariscono misteriosamente... Ti riscrivo perchè le tue creazioni meritano anche un doppio passaggio!!!
    Bellissime le tue ceramiche dipinte come quadri che raccontano storie fantastiche, mi riportano alla mente racconti e fiabe, sogni e poesia...
    Non vedo l'ora di poterle ammirare dal vivo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena! mi fa ridere se penso che i tuoi commenti abbiano le gambe e se ne vadano in giro a loro piacimento!
      Per quando ci vedremo, preparerò tante cose...sono già all'opera per poterti garantire uno stand all'altezza del luogo!
      A presto

      Elimina
  6. Bellissime le tue creazioni!!
    Adoro il senso di sogno e fantasia di un'età perduta,l'infanzia.
    Ma tu la fai rivivere.
    Sei bravissima.Rò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti confesso che disegnare mi fa tornare bambina!Grazie per la visita...
      un abbraccio

      Elimina
  7. Bellissimo e molto tenero l'episodio del tuo inquilino spazzino, comprendo il tuo stupore, io sono abituata, nel mio piccolo giardino ne vedo tanti. Bellissimo il disegno e il lavoro che ti ha ispirato. Complimenti e buona domenica. A presto
    Emi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah beata te! come ti invidio! chissà da te gli amici spazzini che lauti pranzetti si faranno...un abbraccio!

      Elimina
  8. Bellissimo il tuo racconto e bellissima la tua illustrazione!! Ma come fai a riportare il disegno sulla ceramica?? io ho dei deumidificatori per il termosifone che volevo decorare.. ho riportato l'immagine sulla superficie con della carta carbone e poi ho ripassato con del pennarello indelebile, però ho notato che tende ad andarsenese passo con un batuffolo per eliminare lo sporco della carta carbone :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! ti ringrazio per essere passata! per la ceramica servono colori specifici e poi vanno cotti in forno apposito a 750/780 C° (almeno per la tecnica che uso io di pittura su lucido). Poi questi oggetti li potrai usare all'infinito,mettere in lavastoviglie e micronde. Ovviamente sono tutti materiali professionali e hanno un certo costo. Ma per i tuoi deumidificatori hai provato a prendere i colori per ceramica a freddo?li trovi in colorificio a poco prezzo,vanno cotti nel forno di casa a 150 gradi e ti garantiscono comunque un buon risultato...tienimi aggiornata!

      Elimina
  9. Che bella scoperta il tuo blog! Di solito seguo post che parlano prevalentemente di cucito essendo quella la mia passione,ma qui ho trovato una bravissima artista,che con il pennello crea oggetti deliziosi e poetici,sembrano delle fiabe! Complimenti anche per le tazzine del post precedente!(adorando i gatti sono di parte!!)
    é una fortuna avere la visita di un pettirosso e immagino la tua gioia,soprattutto abitando nel centro di una città e non in campagna.
    Un caro saluto e buona settimana
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela! ti ringrazio! mi rende felice saper che ti senti in armonia con il mio piccolo mondo.
      Incuriosita dal tuo gattone della foto del profilo ,sono passata a trovarti e da oggi ti seguirò!
      Ti abbraccio...

      Elimina
  10. E' magico, il tuo trasformare un episodio personale in immagine.
    Hai le mani di fata...complimenti!

    RispondiElimina
  11. ho letto con piacere questo post...che dolcezza!...la tazza è un capolavoro!....grazie per questo momento di relax!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ! è bello prendersi delle piccole pause e secondo me le migliori sono quelle dove ci circondiamo di cose semplici....

      Elimina
  12. che bella l'illustrazione....hai catturato il momento magico del tuo incontro.glo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gloria! sono riuscita anche a fotografare il mio amico ;)

      Elimina
  13. Che bella la tisaniera, dalle piccole cose arrivano le giuste ispirazioni!!!! Buona giornata Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisa, hai pefrettamente ragione : le cose semplici sembrano le piu' scontate ma sono le migliori !
      Un abbraccio

      Elimina
  14. Ciao Evelin, bellissima la tazza e davvero tenero il pettirosso... È stato un buon ispiratore ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ! oltre ad essere un ottimo aiutante giardiniere! ;)

      Elimina
  15. Bellissimo post, e bellissimo il tuo disegno, proprio brava :)

    RispondiElimina
  16. Una favola raccontata in una tazza...bravissima!!!

    RispondiElimina
  17. La natura a sempre il suo fascino e come si vede anche in Città... è bello vedere questi piccoli uccellini che svolazzano vicino alle nostre case e che dire del tuo disegno bellissimo e originale .. Complimenti la tazza mi piace tantissimo :D
    Buon caffe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione! la natura è sempre affascinante e non delude mai :)

      Elimina
  18. Bravissima, adoro il tuo stile!! E adoro anche i pettirossi, qui da noi nella campagna genovese si dice che il pecetto, ovvero il pettirosso in dialetto, si avvicini alle case quando fa molto freddo e porti la neve. Chissà ^_^

    RispondiElimina
  19. Ciao! da noi a Verona si dice PITARO...anche se è un termine che ormai nessuno usa piu'...

    RispondiElimina
  20. Io in inverno lascio sempre un po' di briciole di pane sul balcone per gli uccellini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e' bellissimo guardarli mangiare e zampettare !!

      Elimina
  21. Ecco!! Per questo adoro i tuoi lavori...perche sono sempre ispirati a piccoli, reali, poetici momenti di vita quotidiana, cosi che ogni tuo pezzo racchiude in sè, e la racconta attraverso le sue delicate immagini, una storia che ne determina un valore aggiunto!! Bravissima!! E poi....mai come in questi giorni "son ingiassà come un pitàro!"....lo diceva sempre la mia povera nonna...poi però, non ci è dato di sapere perchè i "pitàri" fossero sempre così ghiacciati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Nilu' grazie!!!!!
      Anche a casa mia si usa dire così quando si ha freddo! forse perchè il pettirosso è un uccellini che si vede solo in inverno...

      Elimina
  22. Che bella storia di ordinaria quotidianità (passami il termine perché in questo caso è in senso buono) e la tazza non ho parole! Bellissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura! dici bene : quotidianità! alle volte siamo giu' di morale ma basterebbe guardarsi attorno per farci tornare il sorriso....

      Elimina
  23. Stupendo il disegno sulla tazza. E che fortuna fotografare un pettirosso. A volte se ne posa uno sul mio balcone, ma come provo ad avvicinarmi vola via.
    Stefy

    RispondiElimina
  24. il mio pettirosso ora è nella mia casuccia e mi porta allegria!! grazie.... sei fortissima!! Mara

    RispondiElimina