Cerca nel blog

lunedì 31 luglio 2017

MERAVIGLIATI!

Qualche settimana fa ho sentito per radio che tra gli hastag più usati in Italia, c'è il tag “Mai una gioia”.
Sembra che gli italiani siano alquanto lamentoni e che preferiscano piangere le proprie sventure anziché cercare di reagire, in tutti i campi.

Per contrastare questa tendenza è nato un contro hastag :”Meravigliati!”
Finalmente mi sono detta! Qualcuno che si oppone a continuo lamento e cerca di invertire la corrente.

Ma che cos'è la meraviglia?

Per me la meraviglia è riuscire a stupirsi di fronte ai piccoli e forse scontati avvenimenti quotidiani.
Questo sentimento di stupore e di e sorpresa è collegato alla curiosità e alla spinta all'esplorazione intellettuale.
La meraviglia è associata ad una sensazione positiva e secondo Platone ed Aristotele è all'origine della sapienza e quindi della filosofia.
Questa è a definizione che ci fornisce Wikipedia.

Ma in realtà come si può applicare la filosofia della meraviglia nella vita di tutti i giorni? Semplice , esercitandosi!
Avete presente la sensazione di euforia quando ci accorgiamo che fuori nevica? Ecco, penso che con un po' di allenamento dovremmo riuscire ad educarci a questo stato d'animo.

La meraviglia secondo me è uno stato di grazia che subentra quando cambiamo in modo positivo il nostro modo di vedere le cose.
Ad esempio ,quando un pensiero negativo mi turba cerco di contrastarlo con uno positivo: se giro per la strada, cerco di concentrarmi solo sulle cose belle che mi circondano.
Non si tratta di essere perennemente con la testa tra le nuvole ma di guardare le cose con occhi diversi, con gioia nei confronti della vita e con gratitudine perché tutto sommato siamo fortunati.

Ho visto che impazza la moda di creare oggetti , bigiotteria, linee di abbigliamento con le frasi “Odio tutti”, “Sticazzi” ,“Maiunagioia”...com'è possibile esercitare la meraviglia se ci circondiamo di cose che ci invitano quotidianamente ad odiare tutti perché siamo incavolati (con chi e cosa poi) e ci convincono che non esiste felicità? Mhhh perché non lo trovo spiritoso? non è bello farsi promotori di un pessimo stato d'animo perché oltre a star male noi, contagiamo gli altri.

Io voglio essere una messaggera di felicità, almeno ci provo! Alla base del mio lavoro c'è questo pensiero ed è così che con i miei disegni cerco di trasmettere la felicità che ogni piccolo gesto quotidiano ci può regalare.
Sono un'ammiratrice della gioia, dei colori e della vita, non della tristezza!

Posso elencare un'infinità di piccole grandi cose meravigliose che se osservate ed apprezzate , possono far svoltare al meglio la nostra giornata e a lungo andare il nostro modo di essere :


immagine presa dal web

-Un giro in bicicletta per assaporare la libertà
-Un ghiacciolo in una sera d'estate
immagine presa dal web

-Il rumore della pioggia sull'ombrello
-Un caffè al mattino
-Rimanere al calduccio sotto le coperte la domenica mattina
-La neve che inizia a cadere
-La città che si addormenta
-La città che si risveglia
-Guardare il mio gatto che dorme sul cuscino
-Un bicchiere di acqua fresca quando hai sete
immagine presa dal web

-Tenere tra le mani una tazza che le riscaldi
-Scovare angoli e particolari nascosti della mia città
-Un gesto gentile...

Vi va di aggiungere altro?

Coltiviamo la meraviglia ericordiamoci che abbiamo un debito di riconoscenzanei confronti di chi non ha la nostra fortuna.
A presto


x

sabato 15 luglio 2017

RIFLESSIONI E RIVISITAZIONI



 Ciao!
non sono stata sopraffatta dalla crisi di cui vi parlavo nell'ultimo post,ne tantomeno sono emigrata all'estero, ho avuto parecchio da fare e  sono successe tante cose . La   famigerata crisi è un ricordo!

La crisi ha comportato anche un cambio di look!

Devo impegnarmi maggiormente e tenere aggiornato il blog perchè mi piacerebbe raccontarvi qualcosa di piu' del mio mondo.


Oggi  vi parlo di un "remake " di una mia illustrazione :"La colazione"  che è uno dei primissimi disegni realizzati per il mio progetto di Eva e TABÙ.

Questa è storia...la prima zuccheriera!




strofinaccio


targa da cucina


Tazza e teiera (foto sotto) dipinta a terzo fuoco





Nel corso degli anni ho riprodotto l'illustrazione su zuccheriere , tazze , piattini e molto altro ; poi l'ho accantonata per dare spazio a nuovi disegni.
Scorrendo le pagine del vecchio quadernino degli schizzi, mi è apparso il disegno iniziale,il primissimo . Ricordo che lo feci durante la vacanza in Friuli.

scorci dal Friuli dove è nato il disegno 





Ha deciso così di rispolverarlo ritoccare qualcosina e riproporlo sui miei pezzi in ceramica.
 
La nuova versione su oggetti in ceramica realizzati da me




Sono passati anni luce da quando il supporto era la Porcellana acquistata.



 Per me la colazione è un momento magico, è il passaggio dal mondo dei sogni al risveglio. E' quella specie di limbo sospeso che ti fa  prendere coscenza e riavere dal torpore notturno.
Sarà che realizo ceramica ed in particolare tazze, ma mi piace  scegliere con cura  dalle  stoviglie,infatti non tutte le tazze sono adatte , alla miscela del caffè, ai biscotti.

Tazza realizzata al tornio


Durante la settimana non ho molto tempo , ma ecco che nel weekend la colazione diventa un rituale degno del castello di un re! in estate imbandisco il tavolino sul mio piccolo balcone e in inverno mi accoccolo con un coperta e gli immancabili amici felini in salotto al calduccio. Se poi fuori piove è il massimo.
 Sarò esagerata ma quando vado in vacanza, un metodo per valutare se un posto è buono è verificare la qualità della colazione: se è curata ( non necessariamente abbondante) ma preparata con attenzione, siamo già a buon punto.

Tegolino e Pirata

Con la mia illustrazione vorrei rappresentare tutto questo, in fin dei conti la felicità sta davvero nelle piccole cose.
 L'importante è riuscire a vederle.

A presto.

venerdì 7 aprile 2017

La Crisi (Morgan già lo sapeva)



Ed ecco che quando meno te lo aspetti arriva lei, la più nera delle mie inquietudini: la crisi creativa !

Risultati immagini per munch

L'ultima l'ho avuta due anni e mezzo fa e ricordo che sono scoppiata a piangere come una fontana mentre facevo i piatti davanti alla faccia incredula del mio compagno.
La crisi” dà la stessa sensazione del momento in cui si spegne la fiammella dello scaldabagno finché ti stai facendo la doccia...annaspi e non sai che fare, ti senti deluso e poi arrabbiato.

Risultati immagini per crisi

Il mio lavoro mi dà emozione, è la scintilla mi fa alzare cantando al mattino e mi fornisce la carica per affrontare la vita con il sorriso.
Quando la scintilla si spegne diventa tutto marrone e nebuloso.
Ho chiuso l'anno con grandi soddisfazioni e ho iniziato il 2017 realizzando un sogno che inseguivo da un secolo : il laboratorio!
E allora cosa c'è che non va? Non lo so! E questo mi getta nello sconforto.

Risultati immagini per crisi

Io non ho idea da dove e perché arrivano queste crisi ; ho letto su alcuni blog di psicologia che questo stati d'animo possono 'sopraggiungere quando si hanno degli schock o quando si è fortemente stressati. Il mio è sicuramente il secondo caso visto che di traumi non ne ho avuti.
Sta di fatto che quando succede metto tutto in discussione, non ho piu' voglia di fare niente, mi mancano le idee, faccio inutili paragoni e mi sento una fallita.
Mi sono inoltre imposta di non cedere all'autocommiserazione perché è una scusa infantile per non agire.



Dunque ho deciso che mi prenderò alcuni giorni di relax in montagna, ridurrò le ore di lavoro e mi dedicherò alla lettura di alcuni manuali (sperando si rivelino utili)... cercherò di stare via per un po', in generale, rallenterò i ritmi e farò più cose per me; se riuscirò a superare questo stato, ritornerò rinnovata e piu' forte di prima.

Risultati immagini per questo non è solo un diario

Risultati immagini per accendi le tue idee

se avete suggerimenti per farmi tornare a vedere la vita in fuxia, vi prego ditemeli!





A presto...